Fichi canditi

Strabilianti fichi canditi pacentrani, varietà in via di estinzione. Coltivati e prodotti in Abruzzo e trasformati grazie a una ricetta tradizionale.

Descrizione

Fichi canditi pacentrani: deliziosi e irresistibili

L’ AZIENDA AGRICOLA LE FAVOLE DI GAIA  HA ADERITO AL CLUB DEI PRODUTTORI DI ECCELLENZE ENOGASTRONOMICHE ITALIANE.

Fichi canditi pacentrani

I piccoli fichi biodinamici di razza autoctona che impieghiamo in questo prodotto sono in via di estinzione: la coltivazione ne garantisce la sopravvivenza. Li trasformiamo con miele e zucchero, in base ad una ricetta tradizionale. Nascono così i nostri fichi canditi!

In passato rappresentavano una delle golosità riservate alle grandi occasioni. Si accompagnano benissimo a panna cotta o formaggi teneri.

Da consumare da soli per i più golosi, oppure da abbinare a panna cotta, salumi e formaggi.

Provali con…

Vuoi provare un abbinamento davvero superbo? Provali così allora!

Procurati una buona piadina romagnola, oppure una focaccia da farcire. Mettici mortadella abbondante e scaldala. Toglila dal fuoco e mettici i fichi canditi tagliati a metà, granella di pistacchio e stracciatella di latte!

Caratteristiche dei fichi canditi

Da secoli i fichi hanno sempre rappresentato un importante nutrimento anche d’inverno, seccati o farciti con noci o mandorle. In Abruzzo i fichi non molto maturi, integri e raccolti con il picciolo, venivano cotti a fuoco molto lento con zucchero o miele e aceto; erano conservati per le grandi occasioni e per le feste di Natale. Il tempo ha quasi cancellato la preparazione di questo prodotto, ma l’azienda bioagrituristica Le Favole di Gaia ripropone oggi i fichi canditi utilizzando i piccoli fichi di una varietà locale a forte rischio di estinzione (fichi pacentrani) trattati con zucchero, aceto, miele e cannella. I fichi diventano così gustosi e a ridotto contenuto calorico.

fichi canditi

Informazioni aggiuntive

Peso 0.2 kg
Dimensioni 8 × 8 × 14 cm

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “Fichi canditi”