nduja di Spilinga

Nduja di Spilinga ” Az. agricola Sua Maestà il Porco” 500 gr

Prodotta con le parti più grasse del maiale: guanciale, pancetta e una minima parte di lardello che rende tutto l’impasto più morbido, il sale che insaporisce e preserva, insieme al peperoncino rosso essiccato al naturale, al sole.

Descrizione

Produttore: Azienda agricola Sua Maestà il Porco

Regione:  Calabria

logo sua maesta il porcoLa Nduja è la regina incontrastabile del piccante ed occupa un posto singolare nella gastronomia italiana.
Etimologicamente è legata al salame francese (andouille) e fu portata in Calabria dagli spagnoli insieme al peperoncino.
Il peperoncino, fondamentale nella preparazione della Nduja.

Tutto parte dal nostro allevamento, dove i nostri ” porci “, vengono allevati e preparati per la fase di macellazione, successivamente si passa alla preparazione degli insaccati. Alla fine di questo processo i nostri prodotti sono pronti per la tavola.

La nostra Azienda nasce nel 2012, nel rispetto di una vecchia tradizione familiare e si diffonde, soprattutto grazie all’ interessamento dei turisti, che durante le prime sagre della nduja nel 1975, acquistavano con interesse e piacere la deliziosa Nduja. Tutta la produzione aziendale è fatta in maniera artigianale, direttamente effettuata dal nostro staff e seguita passo passo dal fondatore dell’azienda Michele Dotro

Nella preparazione della nduja il peperoncino riveste un ruolo basilare. Nella lavorazione tutti i prodotti vengono finemente sminuzzati, l’ impasto viene omogeneizzato, insaccato in involucri naturali e legato a spago. Si passa quindi all’ affumicatura, che dura alcuni giorni con legna di acacia e quercia.

I tempi di stagionatura vanno da 90 a 180 giorni secondo le dimensioni. L ‘ immagazzinamento in ambienti freschi ne consente una lunga durata con miglioramento delle caratteristiche organolettiche.

Consigli d’ uso della nduja:

nduja col paneCome salume facilmente spalmabile diventa deliziosa su semplici fette di pane ben abbrustolito. Per tipica usanza si preferisce del pane ancora caldo e ben croccante. Per un aperitivo piccante e speziato possiamo preparare dei crostini di pane con burro e ‘nduja. Mischiamo del burro morbido alla ‘nduja, fino ad ottenere un composto roseo. Spalmiamolo successivamente sul pane tostato ancora caldo e serviamolo come stuzzichino. Prima di una cena tra amici sarà un aperitivo perfetto.

 

Ricordiamo infine che la nduja nasce come prodotto povero, realizzato in passato da contadini e da allevatori con il solo scopo di conservare e utilizzare le rimanenze della carne suina ma il crescente e inarrestabile successo riscosso da questa specialità e il suo diffusissimo impiego in cucina, hanno reso il prodotto tipico calabrese un vero e proprio prodotto d’eccellenza, capace di portare ovunque un po’ della genuinità e della bontà della tradizione culinaria calabrese.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.5 kg
Dimensioni 10 × 5 × 10 cm

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “Nduja di Spilinga ” Az. agricola Sua Maestà il Porco” 500 gr”

La nostra Azienda è situata in una cittadina, il cui nome è Spilinga, posta a breve distanza dalla città di Vibo Valentia.
Negli ultimi anni la nostra produzione e il nostro sviluppo ci ha fatto sbarcare anche all’ Estero, abbracciando i paesi confinanti con l’ Italia. Riconosciuti come i miglior produttori di Nduja e salumi del Paese, e non solo, offriamo prodotti artigianali ( Nduja, Capocolli, Salsiccie e Soppressate ), dalla qualità eccellente e insuperabile.

La nostra Azienda nasce nel 2012, nel rispetto di una vecchia tradizione familiare e si diffonde, soprattutto grazie all’interessamento dei turisti, che durante le prime sagre della nduja nel 1975, acquistavano con interesse e piacere la deliziosa Nduja.

Tutta la produzione aziendale è fatta in maniera artigianale, direttamente effettuata dal nostro staff e seguita passo passo dal fondatore dell’azienda Michele Dotro.

La filiera agricola è interamente aziendale, dalla coltivazione di cereali e di peperoncini all' allevamento dei porci e alla successiva trasformazione degli insaccati.
I porci vengono ingrassati subito dopo lo svezzamento, dopo il terzo mese di vita. In questa fase si usano pastone di crusca, fave, ceci secchi, ghiande, mais, orzo e grano.
Dopo il periodo di ingrassamento si macellano, come di consuetudine, nel periodo invernale.

Potresti essere interessato a: Visualizza tutti