limoncello bio casa Barone

Limoncello bio 50 cl di “Casa Barone”

Liquore dolce ottenuto dalla macerazione in alcol etilico delle scorze del limone di due varietà, lo Sfusato amalfitano e l’Ovale di Sorrento, coltivate in azienda secondo il metodo dell’agricoltura biologica.

Descrizione

Produttore: Casa Barone

Regione:  Campania

logo casa baroneLimoncello bio.

Le varietà di limoni più adatte alla produzione del limoncello bio sono lo Sfusato amalfitano e l’Ovale di Sorrento. Queste varietà danno frutti relativamente poveri di succo, ma dalla buccia profumatissima.

Le caratteristiche fisico-chimiche dei suoli vulcanici e il clima asciutto della campagna vesuviana
costituiscono un habitat “estremo” per la coltivazione del limone, cosicché la concentrazione di oli essenziali
nella buccia risulta particolarmente alta e i profumi particolarmente intensi.
Il limoncello  di casa Barone è ottenuto dalla macerazione alcolica delle bucce di entrambe le varietà
coltivate in azienda secondo il metodo dell’agricoltura biologica.


Informazioni aggiuntive

Peso 0.8 kg
Dimensioni 10 x 10 x 18 cm

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “Limoncello bio 50 cl di “Casa Barone””

casa barone pomodoro

L’azienda agricola casa Barone è la più grande azienda biologica del Parco Nazionale del Vesuvio. Il principale corpo aziendale, di circa 11 ettari, è ubicato alle pendici del Monte Somma, il vulcano originario dal quale si è formato, per successive eruzioni, il cono del Vesuvio.
Le coltivazioni si estendono sui terreni attraversati dalle lave dell’eruzione del ’44, dove, tra muri a secco e piccoli terrazzamenti, ginestre e altre essenze della macchia mediterranea, i vigneti si alternano a olivi e alberi da frutto. Il pomodorino del piennolo è coltivato dove il frutteto è più rado.

Nel 2000, quando rileva il fondo ormai abbandonato, ad eccezione della sua quinta parte coltivata da Vincenzo Manzo, oggi capo operaio dell’azienda, Giovanni Marino decide di mantenere il vecchio impianto promiscuo, tipico di una agricoltura di auto-sufficienza, nonostante le difficoltà di gestione agronomica che questa scelta comportava, razionalizzando e ristrutturando il vigneto per quanto possibile e reintroducendo negli ultimi anni la coltura dell’olivo, abbandonata negli ultimi decenni a favore della coltivazione dell’albicocco e della vite.

Per valorizzare le tante piccole produzioni aziendali, si è quindi percorsa la strada di trasformare parte del prodotto in confetture e marmellate, in liquori aromatici e acquaviti di frutta, mentre la produzione di vini, anch’essa in quantità limitate, è esclusivamente rivolta alla vinificazione di uve dei vitigni autoctoni vesuviani: la catalanesca, il caprettone e il piedirosso.
Ad oggi, la principale produzione dell’azienda è rappresentata dal pomodorino del piennolo del Vesuvio DOP, per il quale l’azienda è presidio Slow Food.
Il pomodorino viene in parte trasformato in conserve, in parte commercializzato fresco a grappoli e, naturalmente, sotto forma dei caratteristici “piennoli”.
Fare agricoltura sul Vesuvio, rispettando e proteggendo la flora spontanea e la ricchezza varietale delle specie coltivate, significa anche rispettare e valorizzare il paesaggio agrario tipico di questa zona, significa quindi praticare una “agricoltura del paesaggio”.
Far comprendere ai propri operai e collaboratori che una quercia o una ginestra, un bell’olmo o un pioppo argentato, non rappresentassero un fastidioso impedimento ad una più agevole coltivazione del fondo, ma un valore paesaggistico che, prima o poi, si sarebbe tradotto anche in un valore economico, è stata parte, non piccola, del lavoro di questi anni.

Oggi casa Barone si avvia finalmente a dotarsi di servizi in grado di accogliere una utenza scelta di visitatori attenti al rispetto dell’ambiente. Entro il 2014, infatti, avranno inizio i lavori di ristrutturazione del principale fabbricato aziendale e degli altri piccoli comodi rurali ubicati nel fondo.
A lavori ultimati, tra i progetti della proprietà, oltre allo sviluppo di una ricettività turistica e alla creazione di un punto di vendita diretta, c’è quello di dare vita ad un grande programma di educazione ambientale, su base pluriennale, con le scuole del territorio.